Torna alla Home page
 
Aggiornamenti
 
Prossimamente...
  • Letteratura greca
  • Anatomia

Archiloco - Frammenti

Grazie a Giorgia

I frammenti seguono la numerazione West

1

eimi d' egv yerapvn men Enualioio anaktow
kai Mousevn eraton dvron epistamenow
Io sono scudiero del sire Enialio
E sono esperto dell'amabile dono delle muse.

2

en dori men moi maza memagmenh, en dopi d' oinow
Ismarikow, pinv d' en dori keklimenow
Nella lancia è per me la focaccia impastata,
nella lancia il vino ismarico;
e bevo appoggiato alla lancia.

5

aspidi men Saivn tiw agalletai, hn para tamnv+
entow amvmhton kallipon ouk eyelvn:
cuxhn d' ejesavsa. ti moi melei aspiw ekeinh;
erretv: ejautiw kthsomai ou kakiv.
Qualcuno dei Sai si vanta dello scudo,
arma perfetta, che presso un cespuglio abbandonai non volendo;
ma ho salvato la vita. Che mi importa di quello scudo?
Vada in malora! In seguito me ne procurerò uno non peggiore.

13

khdea men stonoenta, Perikleew, oute tiw astvn
memfomenow yalih+w tercetai oude poliw:
toiouw gar kata kuma polufloisboio yalasshw
eklusen, oidaleuw d' amf' odunh+s' exomen
pneumonaw. alla yeoi gar anhkestoisi kakoisin,
v fil' , epi kraterhn tlemosunhn eyesan
farmakon: allote t' allow exei tade: nun men ew hmeaw
etrapey' , aimatoen d' elkow anastenomen,
ejautiw d' eterouw epameicetai. alla taxista
tlhte, gunaikeion penyow apvsamenoi.
Lamentando i lacrimosi lutti
Né alcuno fra i cittadini, o Pericle,
nè la città godrà delle feste:
tali uomini infatti inghiottì
l'onda del mare molto rumoreggiante
e abbiamo i polmoni gonfi per le sofferenze.
Ma nondimeno, mio caro, gli dei posero
Come medicina ai mali incurabili
L'energica rassegnazione. Ora uno ora un'altro
Ha questo: ora esso si è rivolto contro di noi
e lamentiamo la piaga sanguinante,
ma poi toccherà ad altri. Orsù al più presto
siate forti, cacciando via il lutto femmineo.

19

ou moi ta Gugev tou poluxrusou melei
oud' eile pv me zhlow oud' agaiomai
yevn erga, megalhw d' ouk erev turannidow:
apoproyen gar estin ofyalmvn emvn.
Non mi stanno a cuore i beni di Gige ricco d'oro,
nè gelosia mai me ne prese, e non invidio
le imprese degli dei, e non bramo una grande signoria:
infatti è lungi dagli occhi miei.

114

ou filev megan strathgon oude diapepligmenon
oude bostruxoisi gauron oud' upejurhmenon,
alla moi smikrow tiw eih kai peri knhmaw idein
roikow, asfalevw bebhkvw possi, kardihw plevw.
Non mi piace un generale di alta statura
Né che sta a gambe divaricate,
né tronfio dei riccioli, nè rasato con cura,
ma per me uno sia pure basso
e con le gambe storte a vedersi,
ma saldamente piantato coi piedi, pieno di coraggio.
Torna alla Home page
 
Aggiornamenti
 
Prossimamente...
  • Letteratura greca
  • Anatomia